In culo a Ugo Foscolo

Spesso vado con l'Elia al parco della Montagnola. Per me è sempre stato interessante in quanto è un segno tangibile del periodo post rivoluzionario francese. Sembra che Napoleone in persona nei giorni in visita a Bologna, abbia contribuito alla sistemazione architettonica attuale del parco. Non so se questo avvenne prima o dopo della celebre delusione di Ugo Foscolo, per i valori rivoluzionari mancati. Comunque aveva capito, che quel nanetto geniale e inafferrabile, non era altro che il nuovo padrone. I rivoluzionari della prima ora, abbiamo visto che fine hanno fatto. Però anche se in modo indiretto e di certo non voluto, Napoleone ha effettivamente rappresentato un progressismo culturale e ideologico. Fu un grande egocentrico promoter di nuove parole rivoluzionarie. Certo Ugo non poteva saperlo, e lo capisco che si sentisse un po un coglione ad averci creduto. Entrambi questi uomini, fanno parte di noi. Io provo spiegare al Meraviglio il significato di Storia, ma poi lo guardo e capisco che lo capirà benissimo. L'amore che provo mentre mi fa le domande sulle statue che vede, non lo può portare via nessun conquistatore. Esiste segretamente in tutti noi ma solo pochi fortunati sanno accedervi. Quelli che hanno il senso della storia e delle rivoluzioni.

Scrivi commento

Commenti: 0