Imparare l'umiltà.

Caro diario, l'umiltà è una cosa che va assolutamente imparata. Se non altro per pura imitazione: tutti i grandi uomini la possiedono. Forse semplicemente perché la si confonde spesso con la modestia. Il modesto non si porrà mai il problema, e quindi per lui semplicemente non esiste. Solo chi segretamente osa, chi si immedesima in nel suo sogno ad occhi aperti, può imparare l'umiltà. Più diventi bravo, più diventi umile, e diventi umile proprio perché diventi bravo. Poi è ovvio che devi credere di essere il migliore, per credere di poter diventare un grande. Se sei modesto, non ambisci a questo, e quindi non lo puoi ottenere. Se sei edonista nemmeno, perché sono gli altri a decretare il tuo successo. Ho capito che il segreto non c'è. E non ci sono scuse per non desiderare il meglio e fallire se devi fallire. L'umiltà è tornare sempre in campo, godere quando vinci, incazzarti quando perdi, ma essere sempre pronto a giocare. I modesti si lamentano. Gli umili fanno grandi cose. 

Scrivi commento

Commenti: 0