Diario di un autopromosso - 24 settembre


Ciao Caro, piacere mi chiamo Omar. Visto che sto cominciando a scriverti, e scusa per l'invadenza, mi presento meglio. Sono un musicista folk rock e come tanti ho registrato un disco. Ero confuso e per chiarirmi le idee su quello che davvero voglio, ho cominciato a scrivere un diario, proprio come te, che si chiamava "Di un Autoprodotto". Ora la produzione è finita, e mi sono così divertito a scriverlo, che ne farò un libretto. Anche lui aveva voglia di finire, tanto gli ho rotto i maroni con i miei dubbi estetici ed esistenziali. Tu invece ti occuperai della promozione, vera bestia a sette teste di ogni artista. Chi mi aiuterà a crescere nel numero di fans? Che cazzo è un ufficio stampa? Perché dovrei stampare magliette con il logo? Quindi eccoci, nuova fase, nuovo diario. Spero che diventeremo amici, e confido nella stessa discrezione che ha dimostrato il tuo predecessore. Quello che viene scritto qui, non deve uscire da qui. Ti auguro quindi una buona permanenza sul mio spazio web e tante belle cose. Che poi sono le stesse che auguro a me stesso. Vedi, andiamo già d'accordo!

Scrivi commento

Commenti: 0