Diario di un autoprodotto


Caro diario, ogni tanto esco di casa alla ricerca di stimoli e di nuova socialità. Ieri sera l'occasione è stata la presentazione del nuovo album de "L'orso", una band indie di Ivrea, che ho conosciuto tramite il canale youtube di Garrincha dischi, l'etichetta de "Lo stato sociale". I pezzi hanno una sonorità anglosassone, sono ballabili, restano impressi ma non sono superficiali. Quelle che mi piacciono di più sono "Essere felice qua" e "L'uomo più forte del mondo", ma come ha detto anche lui, i dischi si dovrebbero ascoltare interamente, andrebbero visti nella loro unità di opera, e non buttati a cazzo tra le playlist automatiche di youtube. Qualche settimana fa, Mattia Barro, il cantante ha chiesto la disponibilità ai fans di Bologna per un volantinaggio segreto. Io che è da un po che li seguo, mi sono offerto, ed è stata un'occasione per conoscere persone nuove, giovani, con l'entusiasmo per la musica live e indie. Ed infatti ho conosciuto alcune ragazze simpatiche con la passione per la musica ed i concerti, appunto,  e devo dire che a quelli solitari come me, fa bene ogni tanto vedere il mondo là fuori. E' bello sapere che la musica può ancora avvicinare le persone, ispirarle, farle ballare e sorridere. Mattia è stato molto naturale, e la sua sensibilità traspare senza filtri. Ha spiegato le ragioni del suo progetto e la genesi dell'album, tutto incentrato sul concetto di "ritorno a casa", sulla ricerca di un luogo sicuro, appunto, dove essere felici. Guarda il video fino in fondo, dy, non fare il furbo. C'erano ad intervistarlo un fondatore della Garrincha e Bebo dello Stato Sociale, ed è stato interessante il confronto ed il supporto tra le band e l'etichetta, perché mi ha dato la conferma del fatto, che si possono fare dei progetti importanti anche senza passare da Sanremo, o da quei cazzo di contest con Mogol come giudice. Ci vuole coraggio, caro diario, a portare avanti il proprio sogno armati solo di una chitarra, a svelare la propria debolezza di desiderare l'amore e la stima degli altri, con tutta l'indifferenza che siamo abituati ad ingurgitare. Ho acquistato volentieri il cd e l'ho fatto autografare, in ricordo di questo bel momento di socialità e di musica. Il 22 aprile quasi sicuramente andrò al concerto che faranno al Locomotiv, poi ti farò sapere i dettagli. Ora vado che domani è lunedì, e ricomincia la mia vita parallela da tecnico informatico.


Scrivi commento

Commenti: 0