diario di un autoprodotto


Gable I detto "il Meraviglio"
Gable I detto "il Meraviglio"

Caro diario, sto facendo fatica a digerire dati i bagordi enogastronomici di oggi. Inoltre sono solo, perché la Devi è rimasta a Firenze, mentre io dovevo tornare alla Grassa, dopo una bella giornata in campagna a Pontassieve. Eravamo lì per il matrimonio di sua cugina più grande, che ora vive a Londra. Era emozionata per lei e mi ha raccontato di quando erano bambine, di come la vedesse bella, alta e bionda com'era, simile alle principesse dei cartoni. Non ti dico altro perché ci tiene alla privacy, e per quanto tu non abbia molti amici, è sempre meglio non rischiare. Dell'Elia invece posso parlare perché ancora non sa che cos'è il copyright, e quando lo imparerà potrò sempre corromperlo con cioccolata e mostri di plastica., o forse partite a Candy Crash saga, Devi vedere, caro diario, come gli piace lavorare: spazza per terra, mette a posto, smonta, collega cavi a device impossibili, smartella e scarabocchia sui muri., con l'impegno di un operaio idealista nella Russia post -rivoluzionaria. Si adatta bene in ogni posto, e offre cibo a tutti. Poi vuole sempre fare tutto quello che fa il suo papà, e questo mi riempie di una commozione profonda, che diventa gratitudine e voglia di morderlo. Sono felice di vedere che ci è molto affezionato, ma è anche autonomo, e sta volentieri con i nonni. Questo tra l'altro ci regala momenti da fidanzatini che non devono mai mancare, come ben sai. Conoscendoti, so che ti stai chiedendo quando si parla di musica o di dinamiche auto-produttive. Beh, oggi ho sentito Lorenzo dopo le registrazioni e mi ha detto che "Pagina bianca è un singolo della madonna". Buon segno.. Sono particolarmente contento perché come ti dissi, avevamo entrambi molti dubbi sul pezzo. Oh, yeah! Ma non riesco a non pensare all'Elia con il mio cellulare in mano che balla sulla base di "Tutto cambia", come Jamiroquay, ma più grunge'.  Piacciono anche a lui, ed è uno che ne sa. Vado quindi a dormire felice, perché anche oggi ho saputo godere della meraviglia che è intorno a me: il cibo, i prati verdi,  il vento, ma soprattutto loro due. Io li chiamo i "meravigli".


Condividi?


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    ALDO IL BABBO (giovedì, 16 luglio 2015 20:49)

    UNA ARMONIA UMANA DA SOGNO, SONO FELICE CON VOI.