Diario di un Autoprodotto


foto by papinobello.com
foto by papinobello.com

casa dolce casa. Sono appena tornato dallo studio di Lorenzo al mare, e anche se il mare non l'ho neanche visto, ne ho sentito la presenza. Fin da piccolo ne ero affascinato, e sognavo di imbarcarmi su qualche veliero alla scoperta di terre mai viste. Le storie romanzesche di pirati e le informazioni storiche che mi dava mio padre si fondevano in un repertorio di non ben definita voglia di avventura. Il mondo era li per me, ed avevo davanti qualsiasi itinerario. Poi cresci,  e vai davvero in tutti quei fantastici posti solo che il mare è diventata solo una situazione idealizzata di relax: bere birra davanti al mare, fare grigliate davanti al mare, fare falò con la chitarra che nessuno vuole ascoltare, a patto che tu non faccia tutti gli evergreen da spiaggia, appunto. ma forse ho divagato, scusami. Ho conosciuto Andrea M., il chitarrista che farà le parti nel disco e mi sono trovato subito a mio agio. Sembra una persona aperta e disponibile, ed abbiamo conversato di musica e politica. Io non avevo mai visto un professionista all'opera, e mi sono stupito nel vedere la sua fantastica attrezzatura, anche se non saprei minimamente come utilizzarla. Abbiamo riso del fatto che tutti i profani, di fronte a tante lucette, manometri e levette, fanno commenti e domande abbastanza idiote, tipo :"-Ma li usi tutti quei bottoni"- oppure - "i pedali sono in ordine di colore?". davvero spassoso. Ma venendo al sodo, il lavoro è stato quello di registrare le chitarre di pagina bianca, per dare poi ad Alex una buona base su cui incidere la batteria. Non ci credo ancora che andrò a Londra a registrarla. Comunque ho preso già il biglietto per il 26, ora devo solo trovare una sistemazione per qualche notte. Quindi ti saluto e mi metto a cercare, ma presto ti darò più dettagli. Vado a letto con un passo fatto in più. Mi godo l'illusione di fare qualcosa di buono per me e per il mondo, senza presunzione né grandi aspettative,  ma sentendomi in diritto ed in dovere di dire la mia. Per troppo tempo la mia pagina è stata una pagina bianca: ora non mi basta l'inchiostro! Aspettami London!



Scrivi commento

Commenti: 0