Diario di un Autoprodotto


Snowdream - Rezzo '14
Snowdream - Rezzo '14

buonasera, my dear. La calura estiva è arrivata a Bologna, ed io sogno di andare sullo Stelvio a fare snowboard. Che bello perdere lo sguardo sulla montagna imbiancata, lontano dall'afa e dagli esodi verso il mare, stile transumanza pascoliana. Solo che invece che la "verga d'avellano" abbiamo i suv e i coglioni girati per i lavori in autostrada, che aspettano a fare in piena estate. ma sogni a parte, ho gli occhi che mi esplodono, dopo aver passato tutto il giorno a lavorare sul testo e sulla melodia di "pagina bianca". Si, perché Lorenzo mi ha mandato le pre-produzioni dei cinque pezzi "da studio" a cui abbiamo lavorato finora. Siamo andati abbastanza lisci e senza dubbi su tutti i pezzi, tranne per la suddetta. Ho capito che è più facile cantare una canzone piena di esperienza personale, dove cacci il sentimento e via, rispetto ad una, come Pagina Bianca appunto, che ha bisogno di leggerezza ed ironia, per non suonare scontata. Il pathos convince sempre, mentre la Verità razionale meno. In ogni caso credo che qui entri in gioco la ricerca musicale di un artista: dove c'è un problema, c'è una soluzione, quindi una crescita. Nel caso specifico abbiamo aumentato parecchio i Bpm ( la velocità), e sostituito il basso portante con una chitarra distorta e compressa stile cake, e finalmente comincia a girare come immaginavo. Ho pulito la melodia, lavorando ossessivamente sulla metrica, per dare movimento ad un giro di per se un po ripetitivo. vedrai che alla fine ti piacerà, caro diario, ma c'è tempo. non voglio annoiarti ulteriormente, e ti do la buonanotte citando un verso della Famigerata: "Cima di montagna, inaccessibile ed aspra, domini dall'altro questa cazzo di pianura... 



Scrivi commento

Commenti: 0