"TUTTO CAMBIA" è il primo disco ufficiale.

Dieci brani elettro-acustici sull'idea di cambiamento. Cambiano i tempi, gli stili di vita e la società ma cosa rimane sempre uguale nei secoli? Come mi devo porre di fronte ai cambiamenti? Per me la più grande rivoluzione è stata la nascita di mio figlio. Ho cominciato a riconsiderare da capo molte cose che avevo date per certe, ed ho capito che cambiando le parole, cambiano le azioni. Con le parole giuste, si costruiscono i fatti, si cambia il mondo davvero. 


La canzone "Tutto cambia" è quella che da il nome al disco. L'ho scelta come canzone rappresentativa di questo album, proprio perché è la più atipica nella mia produzione. Rappresenta bene il cambiamento verso nuove sonorità a livello musicale, e nuove prospettive in quello personale. L'album è stato prodotto da Lorenzo Sebastiani e suonato da Andrea Morelli (chitarre), Marco Dirani (basso) ed Alex Reeves (batteria), che ringrazio per aver dato tanta qualità al mio disco. Se vuoi sostenermi, condividi il video ed iscriviti al canale, così riesco a tenerti aggiornato sugli sviluppi futuri. 


"Rivoluzione di parole" (intervista Balagandà)

In questa lunga intervista ci sono alcuni dei pezzi forti del disco, un live set acustico e tutto quello che hai sempre voluto sapere su questo singolare progetto. Mauro e Paola sono stati bravissimi a farmi sentire a mio agio, e mi sono divertito molto. Loro hanno apprezzato e spero anche tu. Aiutami a fare la mia "rivoluzione di parole".


"Restare a guardare"

Il succo di questa canzone, è il mio senso di esclusione dalla società. Per molti anni ho fatto finta di non essere interessato a giocare. Mi sono costruito, come molti, una personalità attorno a questo. Fingevo di sentirmi superiore, di essere immerso solo nel mondo elitario e colto della poesia, troppo impegnato per scendere in campo. Troppo insicuro per prendere calci e reagire. Poi la musica mi ha portato sulla strada giusta. Questo continuo inseguire una cosa che non esiste, ti fa diventare realmente migliore. Ora sono pronto a spogliarmi della mia spocchia ed indossare l'uniforme della squadra. Ho capito inoltre, che tutto lo spazio che non occupo, lo occupa qualcun'altro. Le scelte che non faccio, le farà qualcun'altro per me. Sei pronto a farti male con me?



 TUTTA LA MAGIA

Si chiama "Tutta la magia" ed è un brano scritto molti anni fa, recentemente trasformato. Parla della magia che non riusciamo a vedere, nascosta nella verità delle piccole cose. Una canzone discreta, che non vuole essere una hit. Parla della bellezza che ci sfugge dalle mani. E' in vendita sui maggiori store digitali, se voleste sostenere il mio progetto, e disponibile gratuitamente per l'ascolto su Spotify e Youtube. 


Kasa Klaun

 foto: http://adaptiveart.eecs.umich.edu/2011/?p=512
foto: http://adaptiveart.eecs.umich.edu/2011/?p=512

Il problema in Italia non sono certo quei quattro spostati di kasaklaun', ne forza nuora, ne le ruspe della sega-nord. Il problema che ci hanno educato ad avere una visione ideologica, emotiva ed edonistica sui temi importanti della società. Non pensiamo ad approfondire la conoscenza dei fatti, perché ci interessa esprimere solo un nostro sentimento. E questo ci basta. Parliamo di africani due minuti e siamo a posto. Guardiamo uno speciale sulla mafia, e ci beiamo della nostra normalissima indignazione. Il tema "fascismo" piace perché suscita indignazione, reazione, finta solidarietà, e da occasione all'uomo medio di far veder quanto è sensibile. Quando devono coprire cose gravi (Consip, Mafia Capitale, Impresentabili, leggi a favore per le banche, arresti di esponenti) vengono fuori con questi temi "della vita" su argomenti che appassionano tutti: dalle casalinghe ai lecchini dei giornali, passando per gli influencer che non votano e i radical chic da tastiera. Pochissime persone sanno abbastanza per parlarne, ma sembrano tutti esperti. Il fascismo lo creano i moderati. Quelli che va bene tutto (nel loro orto) e non vanno mai a votare. Quelli che volevano distruggere la costituzione vendendo la nazione alle banche d'affari. Il fascismo lo hanno appena messo in pratica con 5 VOTI DI FIDUCIA SULLA LEGGE ELETTORALE. Altro che teppistelli violenti di borgata. Altro che mafiosetti. Confondono le acque per farci andare a vuoto su temi "storici" mentre loro fanno porcate in parlamento. Con questo non voglio dire che siano temi da sottovalutare, ma non facciamo sempre la figura dei fessi.


Cosa volevo fare?


Prenderci le mani